Marco's readings

Reading is one of my favorite hobbies. This page lists all the books that I read of the classics genre since 2001.
This page is built leveraging the goodreads.com API.

Il Maestro e Margherita
by Mikhail Bulgakov (2014)
My review: Uso le parole di Montale per descrivere il libro: "Il Diavolo è il più appariscente personaggio del grande romanzo postumo di Bulgakov. Appare un mattino dinanzi a due cittadini, uno dei quali sta enumerando le prove dell'inesistenza di Dio. Il neovenuto non è di questo parere. Ma c'è ben altro: era anche presente al secondo interrogatorio di Gesù da parte di Ponzio Pilato e ne dà ampia relazione in un capitolo che è forse il più stupefacente del libro. Poco dopo, il demonio, in veste del professore di magia nera Woland, si esibisce al Teatro di varietà di fronte a un pubblico enorme. I fatti che accadono sono così fenomenali che alcuni spettatori devono essere ricoverati in una clinica psichiatrica. Un romanzo-poema o, se volete, uno show in cui intervengono numerosissimi personaggi, un libro in cui un realismo quasi crudele si fonde o si mescola col più alto dei possibili temi: quello della Passione, non poteva essere concepito e svolto che da un cervello poeticamente allucinato. È qui che Bulgakov si congiunge con la più profonda tradizione letteraria della sua terra: la vena messianica, quella che troviamo in certe figure di Gogol e di Dostoevskij e in quel pazzo di Dio che è il quasi immancabile comprimario di ogni grande melodramma russo." (★★★★)
Started: Mar 06 2016 Finished: Apr 17 2016
Il visconte dimezzato
by Italo Calvino (2011)
My review: Una fiaba piena di allegorie sulla societa' dell'Italia del secondo dopoguerra. Questa e' la storia del visconte Medardo di Terralba che, colpito al petto da una cannonata turca, torna a casa diviso in due meta' (una cattiva, malvagia, prepotente, ma dotata di inaspettate doti di umorismo e realismo, l'altra gentile, altruista, buona, o meglio "buonista"). Come disse Calvino Tutti ci sentiamo in qualche modo incompleti, tutti realizziamo una parte di noi stessi e non l'altra.
Ho letto questo libro due volte. La prima lo finii il 24 Giugno 1999. (★★★★)
Started: Aug 23 2014 Finished: Aug 24 2014
Twelve Years a Slave
by Solomon Northup (2013)
My review: Slavery is a horrible stain in our history, but there is something worst: forgetting about it. This book made me realize that even if we are still facing the consequences of that immoral practice, even if "race" is one of the most discussed topics on TV, blogs, and newspapers, despite all that I still know so little about it. Solomon Northup was a quite talented free man in New York that happened to not be "white". He was kidnapped and sold as a slave in the South. Solomon was not the only one to have this fate. He was separated from his wife and from his sons, beaten and exploited, broken down physically and emotionally. He was deprived of the title and the dignity of being a man. After 12 years, thanks to extreme luck and exceptional circumstances, he was freed and returned to his family. While there are many reports of kidnapped free men believed to be sold as slaves in the South, Mr. Northup is the only one that made it back alive. Once back, any attempt to legally prosecute the kidnappers failed, as the historical legal records demonstrate, thanks to the fact that, as a "non-white", he could not be accepted as a witness against a "white" man. He actually barely escaped prison for having dared to accuse his kidnapper. He spent the rest of his life to end the horror of slavery and to help slaves escape to Canada. He also wrote down his story, published here along the legal court documents concerning his case. The result is one of the most incredible books I have ever read. Mr. Northup was a remarkable man, and was an incredibly good writer. Despite being written almost a century and an half ago, despite some of the horrors being described, it is a pleasure to read. On top of it, the book is of such historical significance that should be read by everybody.
I will never be able to understand and relate to the enormity of the horrors he had to endure, but I strongly believe I must try. The only way to atone for the horrors of the past, is to never forget them. (★★★★★)
Started: Feb 03 2014 Finished: Feb 08 2014
1984
by George Orwell (2013)
Publisher review: Among the seminal texts of the 20th century, Nineteen Eighty-Four is a rare work that grows more haunting as its futuristic purgatory becomes more real. Published in 1949, the book offers political satirist George Orwell's nightmare vision of a totalitarian, bureaucratic world and one poor stiff's attempt to find individuality. The brilliance of the novel is Orwell's prescience of modern life--the ubiquity of television, the distortion of the language--and his ability to construct such a thorough version of hell. Required reading for students since it was published, it ranks among the most terrifying novels ever written.
My rating: ★★★★★
Started: Jan 19 2014 Finished: Jan 25 2014
Jumping Frog
by Mark Twain (1998)
My review: Mark Twain's "The Jumping Frog" was quite popular after publication and it was translated in many languages. Upon discovering a French translation of this story, Twain back-translated the story into English, word for word, retaining the French grammatical structure and syntax. He then published all three versions again, with humorous results. (★★★)
Started: Dec 24 2011 Finished: Dec 24 2011
The Celebrated Jumping Frog of Calaveras County
by Mark Twain (1965)
My review: I started readying this short story to celebrate Mark Twain's 176th birthday. Despite the almost nonexistent / extremely thin plot, the story is funny and is able to get even modern readers to smile. The ending really surprised me: I was expecting something to happen, the main plot to begin, while it just ends abruptly, leaving me to wonder if I downloaded only a sample of the story by mistake. (★★★)
Started: Nov 30 2011 Finished: Dec 01 2011
The Annotated Alice: Alice's Adventures in Wonderland, And, Through the Looking-Glass
by Lewis Carroll (1970)
My review: This volume contains both Alice in Wonderland and Through the looking-glass, along with annotations by well-known mathematician Martin Gardner. I read few months ago the first story with no annotations, and, even if I liked it, I felt like I was missing something. There are a lot of historical and cultural references that are impossible to get if you are not a Victorian England expert. One of my colleagues came to the rescue and borrowed me this version of the book, and, what a difference those annotation made! It was like reading a different book. Even more interesting was the critical introduction, that really changed my perception of it. Charles Lutwidge Dodgson had a strong fascination for young girls, that was apparently common during the Victorian times. The author cultivated his friendships with his young friends, created stories full of wonders and references to nursery rhymes to fascinate them. The book has plenty of this, mixed with a sense of sorrow at the realization that the child-friends are growing fast and with fear that they are going to forget the author. It is definitely quite an interesting book. I strongly recommend an annotated version to truly understand it and appreciate it. (★★★★)
Started: Feb 10 2011 Finished: Mar 05 2011
Alice's Adventures in Wonderland (Alice's Adventures in Wonderland, #1)
by Lewis Carroll (2008)
My review: I started reading this book when I just started learning English. I found it too difficult at the time and I put it down. Almost 18 years later I started reading it again and it was quite an interesting surprise. I am still trying to find a sense out of it though. I should read the annotated version. (★★★★)
Started: Jan 01 2010 Finished: Jan 22 2011
The Importance of Being Earnest and Other Plays
by Oscar Wilde (1985)
My review: I cannot stop thinking how many masterpieces Wilde would have produced if he was not being thrown in a jail because of homophobic laws. He was a genius, able to show to the people of his time how hypocritical they were, with wit and sensibility. Just amazing. (★★★★★)
Started: Jul 06 2008 Finished: Aug 10 2008
The Portrait of a Lady
by Henry James (2003)
My review: I read this book slowly. I was quite surprised at first because nothing really seemed to happen. Then suddenly everything fall in place. Suddenly everything single word has so much meaning. The characters are vivid, realistic, complex, and alive. The psychological motivations of each act are adroitly communicated. (★★★★)
Started: Nov 30 2007 Finished: Feb 16 2008
Oliver Twist
by Charles Dickens (2003)
My review: I would describe the book as a soap opera written at the beginning of the 19th century. The plot is masterfully crafted so that all the pieces at the end perfectly fit. The writing style is classic: an omniscient narrator tells you what to look at and how to interpret it. The author uses the plot as a way to describe and complain about the state of England and some of the "modern" laws (e.g. the Poor law). The story is witty and funny at times, and some descriptions of the city of London are breathtaking. This said, I did not like the xenophobic, sexist and classist innuendo of the book. I understand they were common in England at the time, but it really stains a book otherwise quite remarkable. (★★★)
Started: Sep 02 2007 Finished: Oct 22 2007
The Bridge of San Luis Rey
by Thornton Wilder
My review: The book starts with the death of 5 people during a bridge collapse. The rest of the book is dedicated to answers to the following questions: Why those people died? Was God punishing them? Was preventing them to do something? Was releasing them from suffering? Or it was just a random accident and our lives are not governed by some higher scheme? But if so what sense our lives and deaths have? Does it make sense to even ask those questions? These reflections are carried over in a fictional setting, quite entertaining to read. The author tries to avoid giving an answer, but it hints at a quite touching one towards the end. (★★★★)
Started: Aug 20 2007 Finished: Sep 01 2007
The Overcoat
by Nikolai Gogol
My review: I had just started reading The Namesake (by Jhumpa Lahiri) when I decided to read this classic before reading further. This turn out to be quite hard to do: no bookstore had it and I managed to find a copy at a local library. It is quite an interesting short story to read. The story reminds me of some novel of Kafka, where the weak are crushed by the system for no reason and nothing is done to help them. The only think I did not really like was the ending, the almost gothic conclusion that does not really fit with the rest of the story. (★★★★)
Started: May 15 2007 Finished: May 15 2007
The Red Badge of Courage and Other Stories
by Stephen Crane (2006)
My review: War stories are not my favorites, but I realize how interesting is to narrate the story of a man fighting a war. The demonic and godly nature of men fight within each soldier while the battle rage outside. What I found quite interesting was the realistic portrait of people feeling and behaviors during such major historical events. They are not Greek heroes, they are human, full of fears, weaknesses and courage. (★★)
Started: Oct 12 2006 Finished: Nov 29 2006
Great Expectations
by Charles Dickens (1998)
My review: This is the most interesting Dickens's book I've read so far. It is more modern in style: the "classic" omniscient narrator is here replaced by the main character himself, an snobbish anti-hero. It is a pleasant book, engaging, often humorous. The plot is pretty sad in itself, very autobiographical. I found it interesting in the its portrait of society and of its dynamics. As in Austen's Persuasion, the book describes an interesting change in English society, the moment in time when people were suddenly able to raise themselves in society, being rich without being born a noble. ()
Started: Jul 29 2006 Finished: Sep 19 2006
Hard Times
by Charles Dickens (2003)
My review: A powerful and captivating classic novel. It was meant to lure readers to purchase Dickens's weekly magazine. It worked, and even today it is hard to put down the book. It reminds me a little of Voltaire's Candid, a book meant to discredit a particular philosopher. Leibniz in the case of the French writer, Malthus and the materialists in this case. It is a very successful description of the Industrial English suburbs, of the horrors of the life of the "hands" and the hypocrisy of the new materialistic approach to life. (★★★★)
Started: Apr 29 2006 Finished: May 19 2006
The Secret Garden
by Frances Hodgson Burnett (1998)
My review: Some books that are meant for children turn out to be some of the most touching and powerful books ever written. This book is one of them. (★★★★)
Started: Apr 25 2006 Finished: Apr 28 2006
Persuasion
by Jane Austen (2004)
My review: It is interesting to observe the evolution of the author (and of the English public) perception of nobility and self-made men through Austen's book. The critique of the British nobility was just hinted in Emma's book dedication, but is one of the central theme here. (★★★★)
Started: Mar 30 2006 Finished: Apr 08 2006
Walden
by Henry David Thoreau (2004)
My review: When I finished this book I was so relieved. It is a hard book to read. Even if some of the ideas presented in the book are quite interesting, they are repeated and rehashed so many times that is hard to keep reading.. I think this is one of the few books that would greatly benefit from abridging. It is amazing, as a final remark, how modern and how closely related to modern society this book is. What was true then, seems to be even more true today: men work to cumulate treasures without having any time to live their life, men want to explore farther and farther without even starting to try to understand themselves. (★★)
Started: Feb 25 2006 Finished: Mar 11 2006
Emma
by Jane Austen (2003)
My review: Emma is a great book, but I really prefer Austen's earlier work, where the author was critical of the moralist and sexist society of the time. In Emma, she is more cynical and accepting. (★★★)
Started: Apr 01 2005 Finished: Aug 21 2005
Mrs. Dalloway
by Virginia Woolf
My review: After reading this novel, it is absolutely clear why this novel is so famous, how it completely revolutionized the field with its groundbreaking storytelling style. I was fascinated by the smooth and seamless switch of focus from character to character. Despite all these accomplishments and merits the novel is not entertaining. (★★★)
Started: Apr 18 2005 Finished: Apr 27 2005
Mansfield Park
by Jane Austen (2003)
My review: With Mansfield park, Austen reaches her maturity. It is an enjoyable reading, but the most striking elements of her previous books are gone. In the previous book her characters realize that public morality is just plain moralism, often used to justify convenience. The author had a very liberal and feminist position there. In this book Austin touches the same themes, but with a conservative attitude. The society is following convenience, morality has been forgotten. Fanny is almost as far from a feminist character as one can be. (★★★)
Started: Dec 01 2004 Finished: Feb 19 2005
A Room with a View
by E.M. Forster (2005)
My review: This is one of the best books I ever read in my life. It is moving to see Leonora waking up inside Lucy. The book is about the struggle between stiff social conventions, symbolized in the book by Victorian English society, and the ability to live life as its fullest following your heart, symbolized by the Italian society. Definitely a must read. (★★★★★)
Started: Jun 01 2004 Finished: Dec 07 2004
Uncle Tom's Cabin
by Harriet Beecher Stowe (1999)
My review: This is a great masterpiece: it is powerful and moving, intense and breathtaking. It reminded me how important freedom is and how much we take it for granted every day. It also made me understand this country better. (★★★★★)
Started: May 01 2004 Finished: Nov 11 2004
Little Women (Little Women, #1)
by Louisa May Alcott (2004)
My review: I found this book fascinating. It is uplifting to read about people that were able to made sacrifices to improve the life of their loved ones and the world. I found quite disconcerting to learn about the condition of women at that time. Austen's book gave me an idea of the situation, but the English writer at least was condemning the situation. On the contrary Louisa seems to believe in a society where the goal of a woman is to get married and where young girl should spend their time to prepare for the duties of the marriage. (★★★★)
Started: Apr 16 2004 Finished: Apr 30 2004
A Tale of Two Cities
by Charles Dickens (2003)
My review: Seemingly unconnected events are adroitly waved together to form this captivating classic. (★★★)
Started: Mar 04 2004 Finished: Apr 07 2004
The Picture of Dorian Gray
by Oscar Wilde (1998)
My review: I read this book translated in Italian many years ago and I did not like it at all. I guess I was too young or the translation was poor. I read it again, this time in English and I have been surprised: the book is full of wit! Many authors has hitherto wrote about the relationship between moral and moralism. Dorian is the man that free himself from the moralistic preconceptions of society, but he cannot handle such a freedom and he loses himself. (★★★★★)
Started: Feb 22 2004 Finished: Feb 28 2004
Wuthering Heights
by Emily Brontë (2002)
My review: I really had high expectations before start reading this book, based upon readings of small sections of the book in high school. I was intrigued by a story that shows how love can turn into a curse, consuming an entire existence. I probably set my expectations too high, and as a result, I was a little disappointed. Still, it is a great classic that it is worth reading.
(★★★)
Started: Jan 24 2004 Finished: Feb 09 2004
Pride and Prejudice
by Jane Austen (2000)
My review: This is by far the best Austen's novel. (★★★★)
Started: Jan 07 2004 Finished: Jan 24 2004
Jane Eyre
by Charlotte Brontë (2003)
My review: The book is in part a gothic novel, in part a fairy tale, and it has incredibly modern element in it. It is interesting to compare Jane Eyre with Elinor (from Sense and Sensibility) as a way to understand the evolution of women conditions in England. I found particularly interesting the first Mr Rochester wife, an avatar of the hidden Jane, an embodiment of everything that Jane does not want to show because it is not proper. (★★★)
Started: Dec 23 2003 Finished: Jan 06 2004
Delitto e castigo: Parte I - II - III - IV
by Fyodor Dostoyevsky (1982)
My review: Era da molto che non leggevo un libro in Italiano e da molto che non leggevo Dostoevsky, e devo dire che questo libro m'ha fatto proprio pentire di aver fatto passare tanto tempo. Dostoevsky e' un genio: la descrizione dello stato morboso in cui si trova Raskolnikov e' incredibilmente realistica ed inquietante. Uniche due note negative del libro: il fatto che solo a meta' il tema del superuomo compaia e il finale aperto... (★★★★)
Started: Oct 01 2003 Finished: Dec 18 2003
Sense and Sensibility
by Jane Austen (2003)
My review: I enjoyed the book, but I was disappointed by the ending: the happiness of Elinor, and the end of the relation between Marianne and Willoughby conform to archaic society rules of convenience. (★★★)
Started: Jun 01 2003 Finished: Sep 01 2003
Northanger Abbey
by Jane Austen (2005)
My review: I was expecting a sappy novel when I picked up this book, on the contrary I discovered a novel full of wit and sarcasm. It is the story of a young girl turning into a woman in a world that is surprisingly similar to the contemporary one. (★★★)
Started: Jun 09 2002 Finished: Aug 29 2002
Storia vera
by Lucian of Samosata (1994)
My review: Era da tempo che desideravo leggere questo racconto definito da molti "primo esempio di letteratura fantascientifica". Divertente e interessante. (★★★)
Started: Dec 03 2001 Finished: Dec 04 2001
Frankenstein
by Mary Wollstonecraft Shelley (2003)
My review: I think this is one of the best books I read in my all life. The book is modern and interesting, the story is touching, the characters well-rounded and far from the typical gothic novel ones. (★★★★★)
Started: Nov 27 2001 Finished: Dec 03 2001
Favola d'amore
by Hermann Hesse (1991)
My review: "Solo in questo consiste per me la vita, nel fluttuare tra due poli, nell'oscillazione tra i due pilastri portanti del mondo. Vorrei con gioia far vedere sempre la beata varieta' del mondo e anche sempre ricordare che al fondo di questa varieta' vi e' un'unita'". (★★★★)
Started: Nov 27 2001 Finished: Nov 27 2001
Bartleby and Benito Cereno
by Herman Melville (1990)
My review: I thought that Melville wrote only long and boring books. It was a prejudice: the first novel is really interesting and modern. The language of the second is pretty hard and the plot is less interesting. (★★)
Started: Oct 14 2001 Finished: Nov 26 2001
The Turn of the Screw
by Henry James (1994)
My review: I was in Milan when I realized that I have forgotten the book I was reading (Baudolino) at home. I went to Feltrinelli and I bought this book. I have studied Henry James in high school, but my teacher did not spend any time on this book. It is a typical gothic novel, nothing too original about it. I did not like it too much because of the author style. Thomas Hardy was right when he wrote that "[H. James says] nothing in infinite sentences". (★★★)
Started: Oct 07 2001 Finished: Oct 12 2001
Siddharta
by Hermann Hesse (1985)
Publisher review: Chi è Siddharta? È uno che cerca, e cerca soprattutto di vivere intera la propria vita. Passa di esperienza in esperienza, dal misticismo alla sensualità, dalla meditazione filosofica alla vita degli affari, e non si ferma presso nessun maestro, non considera definitiva nessuna acquisizione, perché ciò che va cercato è il tutto, il misterioso tutto che si veste di mille volti cangianti. E alla fine quel tutto, la ruota delle apparenze, rifluirà dietro il perfetto sorriso di Siddharta, che ripete il «costante, tranquillo, fine, impenetrabile, forse benigno, forse schernevole, saggio, multirugoso sorriso di Gotama, il Buddha, quale egli stesso l’aveva visto centinaia di volte con venerazione».
My rating:
Finished: Jul 22 1999
Il processo
by Franz Kafka (1988)
Publisher review: Josef K., condannato a morte per una colpa inesistente, è vittima del suo tempo. Sostiene interrogatori, cerca avvocati e testimoni, soltanto per riuscire a giustificare il suo delitto di "esistere". Ma come sempre avviene nella prosa di Kafka, la concretezza incisiva delle situazioni produce, su personaggi assolutamente astratti, il dispiegarsi di una tragedia di portata cosmica. E allora tribunale è il mondo stesso, tutto quello che esiste al di fuori di Josef K. è processo: non resta che attendere l'esecuzione di una condanna da altri pronunciata.
My rating: ★★★
Finished: May 05 1998
Il giardino dei Finzi-Contini
by Giorgio Bassani (2001)
Publisher review: Il romanzo si apre con un Prologo in cui Bassani descrive come una sua visita, nel 1957, alla necropoli etrusca di Cerveteri abbia suscitato in lui una breve riflessione sul rapporto dialettico tra la vita e la morte, fortemente intrecciato con quello fra il tempo passato e il presente. L’occasione lo spinge indietro con la memoria, a Ferrara, e al cimitero ebraico in fondo a via Montebello, e in particolare alla tomba monumentale dei Finzi-Contini, dove riposa un unico membro della famiglia che aveva conosciuto negli anni precedenti la seconda guerra mondiale. Il libro è, quindi, un omaggio memoriale postumo a questo gruppo di israeliti, destinati a morire nei lager nazisti, per restituirli alla vita attraverso la forza dell’arte. La vicenda è ambientata nei tempi cupi del fascismo e delle leggi razziali che colpirono tante case ebraiche e che esclusero i giovani dalle scuole pubbliche e da tutte le associazioni culturali e ricreative. Per questo motivo Ermanno e Olga Finzi-Contini rompono la loro cortina di riservatezza e aprono i cancelli del proprio giardino a un gruppo di coetanei dei figli Alberto e Micòl. Fra questi giovani c’è anche l’io narrante, già da tempo affascinato da quel luogo, ma soprattutto dal modo d’agire enigmatico e imprevedibile di Micòl, personaggio simbolico che richiama gli archetipi mitici del viaggio iniziatico dall’adolescenza alla maturità. La delicata storia di un amore tacito e discreto, chiuso nell’ambito di un giardino, di un campo da tennis e di una casa, si apre allora nella prospettiva di una storia più ampia, che coinvolge l’intimo inafferrabile di ogni creatura umana.
My rating:
Finished: Jul 04 1997
Le Cosmicomiche
by Italo Calvino (1993)
Publisher review: “Avevo preso l’abitudine di segnarmi le immagini che mi venivano in mente leggendo un libro per esempio di cosmogonia, cioè partendo da un discorso lontano dal meccanismo di immaginazione che mi è consueto.” Da un’intervista di Calvino del 1965 I grandi miti della fantascienza: astronavi, macchine futuribili, viaggi interstellari, rivisitati e trasformati da una fantasia ironica e intelligente. Una originalissima raccolta di divertenti racconti del grande scrittore.
My rating: ★★★★
Finished: Jul 20 1995
I dolori del giovane Werther
by Johann Wolfgang von Goethe (1993)
My review: La trama è semplice eppure di un agghiacciante realismo: Werther è innamorato di Lotte, di cui sa fin dall'inizio che non è libera, perché legata ad Albert. "Stia attento a non innamorarsene", sarà il consiglio di una cugina a Werther. Ma la tragedia è già innescata. Considerato il primo grande testo del Romanticismo, il Werther supera le barriere storiografiche per divenire il libro di una generazione, di tutte le generazioni, intramontabile. (★★★★★)
Started: Aug 01 1994 Finished: Aug 01 1994
Ultime lettere di Jacopo Ortis
by Ugo Foscolo (1993)
Publisher review: Librarian's Note: this is an alternate cover edition - ISBN 10: 8817172839
My rating: ★★★★★
Finished: Jul 01 1994
Le poesie
by Catullus (1992)
My review: Catullus carminas are so lyrically powerful, that even if you are not into poetry you are going to love them. I had to translate tons of Latin writings in high school, and Catullus' ones were by far my favorites. How can you read something like C-85 and don't appreciate it? It's adroitly crafted, metrically perfect, and at the same time viscerally moving and steering.
Odi et amo. quare id faciam, fortasse requiris?
nescio, sed fieri sentio et excrucior.
(★★★★★)
Started: Jan 01 1994 Finished: Jan 01 1994
Le metamorfosi o l'asino d'oro
by Apuleius (1977)
My review: Lucio, protagonista e narratore, in Tessaglia per affari, abita a casa di Milone e di sua moglie Panfile, ritenuta una maga. Procuratosi un unguento magico che sapeva aver trasformato Panfile in uccello, Lucio si trasforma però in asino. Dei ladri saccheggiano la casa di Milone e caricano l'asino Lucio del bottino. Giunto poi alla caverna dei briganti, Lucio ascolta la favola di Amore e Psiche, narrata da una vecchia a una fanciulla rapita. Sconfitti i briganti dal fidanzato della ragazza, Lucio passa di padrone in padrone, subendo ogni tipo di tormento, Finché non si addormenta sulla spiaggia di Cencree. In sogno gli appare la dea Iside che gli indica la strada per riprendere la forma umana. Lucio esegue le indicazioni della dea e si fa iniziare al suo culto. ()
Started: Jan 01 1993 Finished: Jan 01 1993
Fino all'estremo
by Joseph Conrad (1990)
My review: Tutti i temi piu' tipici di Conrad son presenti in questo romanzo del 1902: il mare, l'avventura, la lotta disperata dell'uomo contro le forze cieche che lo sovrastano - e di cui il mare e' il simbolo, il senso della sconfitta inevitabile, la presenza dominante di un grande, tragico protagonista. Per molti aspetti il libro si puo' leggere come un giallo, offrendo una risposta perfettamente moderna al bisogno di avventura tipico dei ragazzi. ()
Started: Jan 01 1990 Finished: Jan 01 1990
Peter Camenzind / Demian
by Hermann Hesse (1993)
Publisher review: Due racconti della giovinezza. Nel 1904, a soli 27 anni, Hesse raggiunse, con la pubblicazione di Peter Camenzin, un successo strepitoso: scritto con semplicita' ed eleganza, questo ritratto-autoritratto di un giovano sognatore e introverso che attraversa l'adolescenza giungendo alla cosiddetta maturita' con la consapevolezza di dover sacrificare qualche sogno e un po' di se stesso per il bene comune. Del 1919 e' invece Demian, libro assolutamente inaspettato, audace, che accese le fantasie delle giovani generazioni uscite dal conflitto mondiale e acconto trionfalmente dalla critica.
My rating:
Il fu Mattia Pascal
by Luigi Pirandello (1988)
Publisher review: Pubblicato nel 1904, Il fu Mattia Pascal, il più famoso dei romanzi di Pirandello, riveste un'importanza fondamentale nella letteratura italiana del Novecento. Grottesco antieroe pirandelliano, Mattia Pascal è un uomo senza certezze e senza vocazioni. Creduto morto dopo una fuga da casa, pensa di approfittarne per cambiare vita, ma il desiderio di spezzare le catene delle convenzioni sociali, lo slancio verso la conquista di un'originaria purezza e autenticità falliscono: perchè la vita deve comunque darsi una forma e la fatica che bisogna affrontare per crearne una nuova e sostenerne i compromessi è talora così grande, che costringe a rientrare precipitosamente nella vecchia. La quale, pur con i suoi originari limiti e le sue falsità, rende possibile l'esistenza, allontanando il rischio della disgregazione, impedendo di essere altro da sè stessi, condannando a una realtà fittizia, ma inalienabile.
My rating:
Il piacere
by Gabriele D'Annunzio (1990)
Publisher review: Le ambizioni e le contraddizioni di Andrea Sperelli sono al centro di questo che è il primo romanzo dannunziano. Nella Roma umbertina, estetizzante e mondana, il protagonista di quest'opera vive una duplice storia d'amore, diviso fra la sensuale Elena e l'angelica Maria, e finirà per perdere entrambe a causa di una paralizzante immobilità e una congenita incapacità ad agire. Pubblicato nel 1889 presso Treves, il romanzo offriva, con il personaggio di Andrea Sperelli, un modello i cui comportamenti eccezionali ben rispecchiavano gli ideali estetici dominanti. Le sottili analisi psicologiche e la sostanziale inettitudine del protagonista contribuivano anch'esse a inserire l'opera nell'orizzonte del grande romanzo decadente moderno.
My rating:
Maschere nude
by Luigi Pirandello (1993)
Publisher review:
My rating:
Candido o l'ottimismo
by Voltaire (1996)
Publisher review: Con Candido, pubblicato simultaneamente nel 1759 a Parigi, Londra ed Amsterdam, Voltaire portava a perfezione il nuovo genere letterario da lui creato, quel conte philosophique la cui caratteristica essenziale risiede nella tensione dialettica tra allusione ideologica ed illusione narrativa. Le convulse e mirabolanti avventure di Candido, offrono alla scintillante, ironica ed incisiva penna di Voltaire l'opportunità di dimostrare la vanità dell'ottimismo razionalista leibniziano e della teoria del migliore dei mondi possibili. E il lettore di ieri, come quello di oggi, preso dal frenetico ritmo narrativo cede all'incantesimo e si rende partecipe del sottile ed intelligente gioco con il quale la consumata maestria dell'"ultimo degli scrittori felici" (Barthes) lo induce a passare velocemente dall'arbitrio narrativo alla meditazione filosofica.
My rating:
Madame Bovary
by Gustave Flaubert (1993)
Publisher review: Madame Bovary è il primo romanzo di Gustave Flaubert. Appena pubblicato, fu messo sotto inchiesta per "oltraggio alla morale". Dopo l'assoluzione, il 7 febbraio 1857, divenne un bestseller sotto forma di libro nell'aprile del medesimo anno, ed oggi è considerato uno dei primi esempi di romanzo realista. È imperniato sulla figura della moglie di un ufficiale sanitario, la signora Emma Bovary, che si dà all'adulterio e vive al di sopra dei suoi mezzi per sfuggire alla noia ed alla vacuità della vita di provincia. L'opera attinge alla vera arte nei dettagli e negli schemi nascosti: si sa che Flaubert era un perfezionista della scrittura e si faceva un vanto di essere alla perenne ricerca de "le mot juste" (la parola giusta). Flaubert si ispirò alle vicende realmente accadute di una giovane donna di provincia, Delphine Delamare.
My rating:
Il Principe
by Niccolò Machiavelli
Publisher review: Quasi ogni epoca si è riconosciuta nel Principe con argomenti sempre diversi. E anche oggi i motivi "attualizzanti" di questo breve classico non sembrano mancare: soprattutto il conflitto tra il desiderio di dominare razionalisticamente la realtà politica e la percezione del momento oscuro della storia, catena di eventi non predeterminabile, appare un legame privilegiato tra Machiavelli e i nostri tempi. Il volume contiene il testo critico del Principe messo a punto da Giorgio Inglese. Inoltre, un commento a pié di pagina assai ricco, con ausili letterali, chiarimenti storico-politici, rimandi culturali e spunti interpretativi a più livelli di lettura.
My rating:
Il Gattopardo
by Giuseppe Tomasi di Lampedusa
Publisher review: Don Fabrizio, principe di Salina, all'arrivo dei Garibaldini, sente inevitabile il declino e la rovina della sua classe. Approva il matrimonio del nipote Tancredi, senza più risorse economiche, con la figlia, che porta con sé una ricca dote, di Calogero Sedara, un astuto borghese. Don Fabrizio rifiuta però il seggio al Senato che gli viene offerto, ormai disincantato e pessimista sulla possibile sopravvivenza di una civiltà in decadenza e propone al suo posto proprio il borghese Calogero Sedara.
My rating:
Liolà - Così è
by Luigi Pirandello
Publisher review:
My rating:
Dieci Novelle
by Giovanni Verga (1988)
Publisher review: Dieci delle piu' famose novelle di Giovanni Verga.
My rating:
L'Ingegnoso Cittadino Don Chisciotte Della Mancia (1677)
by Miguel de Cervantes
Publisher review: Don Quixote has become so entranced by reading chivalric romances, that he determines to become a knight-errant himself. In the company of his faithful squire, Sancho Panza, his exploits blossom in all sorts of wonderful ways. While Quixote's fancy often leads him astray – he tilts at windmills, imagining them to be giants – Sancho acquires cunning and a certain sagacity. Sane madman and wise fool, they roam the world together, and together they have haunted readers' imaginations for nearly four hundred years.
My rating:
I Malavoglia
by Giovanni Verga (1983)
Publisher review: Nei Malavoglia (1881) Verga si immerge nella realtà locale di un paese siciliano, Aci Trezza, e racconta la semplice e rissosa quotidianità in cui vivono i Toscano, detti appunto i Malavoglia. Avvertendo come poco espressive le realtà borghesi, Verga cerca di rompere l'impianto romanzesco classico, reinventando le regole del gioco narrativo per dare spazio alla coralità dei personaggi, ritratti nella loro vitale specificità. Questa edizione mette in luce la storia e la formazione del testo attraverso i successivi progetti e abbozzi dell'autore. L'ampio commento a piè di pagina, oltre a spiegazioni letterali e notazioni intertestuali, sottolinea l'organizzazione delle sequenze e la funzione dei motivi, individua le voci principali del romanzo e i controcanti interni, fornisce gli elementi per comprendere i congegni della macchina narrativa.
My rating:
La Mandragola
by Niccolò Machiavelli
Publisher review: Capolavoro della commedia rinascimentale, la Mandragola fu composta da Machiavelli dopo il suo allontanamento forzoso dalla politica. La vicenda ruota intorno alla beffa giocata da un giovane fiorentino a un marito sciocco per possederne la moglie di cui si era invaghito. Un ruolo determinante nel convincimento della donna ha il suo confessore, corrotto dai denari dell'amante. Nella commedia il tema realistico della beffa, di matrice boccacciana, si rapprende in una perfetta macchina teatrale, rispettosa fin nei particolari più minuti delle regole della commedia antica (Plauto e Terenzio). Attraverso il format della commedia Machiavelli tenta di definire un'antropologia della vita quotidiana, analogamente a come nelle opere politiche veniva descrivendo l'antropologia del potere. Si scopre così che non c'è differenza tra una sfera e l'altra: sono sempre e soltanto l'utile e il piacere a muovere gli uomini. Quando però il simulare e il dissimulare dell'agire politico si trasferiscono nella quotidianità, la realtà si fa doppia o tripla, nascono situazioni paradossali che sono di per sé comiche. Il paradosso tocca i valori della famiglia, della morale privata, della religione. Prendono forma le prime creature fredde e amorali della letteratura moderna, senza che nulla venga sottratto alla vivacità e al divertimento. La Mandragola è presentata qui in un nuovo testo critico e con un commento per la prima volta esauriente.
My rating:
Dialoghi con Leucò
by Cesare Pavese (1972)
Publisher review: "Con una frase e talora anche con una sola parola va alla radice perenne del mito, quella che ancora oggi è vitale". Una doppia riflessione, quindi, quella di Pavese: sulla sfera mitica, come luogo archetipo da riportare alla luce, e sull’uomo stesso, il cui segreto non può non emergere da queste profonde e immense radici, costituite all’intrecciarsi della dimensione simbolica, antropologica e psicoanalitica.
My rating:
La luna e i falò
by Cesare Pavese (1971)
Publisher review: La luna e i falò, scrisse Piero Jahier nel '50, quando questo romanzo di Cesare Pavese venne pubblicato, è il viaggio nel tempo di un trovatello cresciuto bracciante in una fattoria delle Langhe, emigrato in America, e tornato con un po' di fortuna nelle sue campagne. Tutto qui è semplice e corale, comunicativo e conseguente, solido e necessario. Anche lo scrittore è rientrato in patria. E nella lingua, come nella rappresentazione di cose e creature, appare qui qualcosa che è nuovo nella letteratura italiana. In nessuna delle sue opere, Pavese era riuscito a condensare in una sintesi narrativa tutti gli elementi della propria personalità spirituale, facendo dimenticare l'impegno dello scrittore nella naturalezza della creazione, come in questo suo libro.
My rating:
Tutte le novelle
by Giovanni Verga (1992)
Publisher review: La Sicilia è una terra aspra e difficile, che concede poco, ma che ha regalato nel corso del tempo grandi storie, scritte da chi ha saputo coglierne il nucleo incandescente e metterlo in scena in forma narrativa. Tra questi, un posto di primissimo piano spetta a Giovanni Verga, l'autore dei "Malavoglia" e di Mastro don Gesualdo, ma anche di un numero eccezionale di novelle nelle quali si sperimenta un nuovo modo di fare racconto, ricorrendo ai criteri di un realismo asciutto e crudo in grado dì far avvertire al lettore le condizioni di vita -i costumi e le prassi sociali - della Sicilia del secondo Ottocento.
My rating:
La coscienza di Zeno
by Italo Svevo (1988)
Publisher review: Le pagine della Coscienza di Zeno si chiudono con una terribile profezia: "Forse traverso una catastrofe inaudita prodotta dagli ordigni ritorneremo alla salute. Quando i gas velenosi non basteranno più, un uomo fatto come tutti gli altri, nel segreto di una stanza di questo mondo, inventerà un esplosivo incomparabile, in confronto al quale gli esplosivi attualmente esistenti saranno considerati quali innocui giocattoli. Ed un altro uomo fatto anche lui come tutti gli altri, ma degli altri un po' più ammalato, ruberà tale esplosivo e si arrampicherà al centro della terra per porlo nel punto ove il suo effetto potrà essere il massimo. Ci sarà un'esplosione enorme che nessuno udrà e la terra ritornata alla forma di nebulosa errerà nei cieli priva di parassiti e di malattie". Zeno Cosini conclude così il suo diario di malato interiore, di nevrotico consapevole che si guarisce con la sola persuasione di non essere più un possibile oggetto di studio della "psico-analisi". Nato come forma teraupetica suggerita da un medico, l'auto-racconto di Zeno percorre le tappe di una vita malata, attraverso la lotta contro il fumo, la morte di un padre colpevolizzante, la storia di un matrimonio senza amore, di un adulterio appassionante e infelice, di un'iniziativa commerciale disastrosa. La coscienza di Zeno è uno dei grandi romanzi del Novecento: come Joyce, Musil, Kafka, Italo Svevo affonda qui nelle più oscure e dolorose regioni dell'incertezza umana, per poi risalire alla quieta consapevolezza del "male di vivere".
My rating:
I Promessi Sposi
by Alessandro Manzoni (2010)
Publisher review: "Storia milanese del XVII secolo scoperta e rifatta da Alessandro Manzoni" era il sottotitolo con cui l'autore presentava 'I promessi sposi', uno dei capolavori della nostra letteratura, romanzo in cui si fondono poesia, impegno umano e ironia. Questa edizione si avvale di una premessa e di un corredo di note.
My rating:
Tragedie
by Vittorio Alfieri (2008)
Publisher review: In edizione commentata e annotata le tragedie più significative dell'Alfieri (1749-1803): la prima (Filippo), l'ultima (Bruto secondo) e le tre maggiori (Oreste, Saul e Mirra).
My rating:
La Divina Commedia: Inferno
by Dante Alighieri (1988)
Publisher review: Guided by the poet Virgil, Dante plunges to the very depths of Hell and embarks on his arduous journey towards God. Together they descend through the twenty-four circles of the underworld and encounter the tormented souls of the damned - from heretics and pagans to gluttons, criminals and seducers - who tell of their sad fates and predict events still to come in Dante's life. In this first part of his Divine Comedy, Dante fused satire and humour with intellect and soaring passion to create an immortal Christian allegory of mankind's search for self-knowledge and spiritual enlightenment.
My rating:
La divina commedia: Purgatorio
by Dante Alighieri (1993)
Publisher review: Dante (1265-1321) is the greatest of Italian poets and his DIVINE COMEDY is the finest of all Christian allegories. To the consternation of his more academic admirers, who believed Latin to be the only proper language for dignified verse, Dante wrote his COMEDY in colloquial Italian, wanting it to be a poem for the common reader.
My rating:
La divina commedia: Paradiso
by Dante Alighieri (1991)
Publisher review: Continuing the paperback edition of Charles S. Singleton's translation of "The Divine Comedy," this work provides the English-speaking reader with everything he needs to read and understand the "Paradiso." This volume consists of the prose translation of Giorgio Petrocchi's Italian text (which faces the translation on each page); its companion volume of commentary is a masterpiece of erudition, offering a wide range of information on such subjects as Dante's vocabulary, his characters, and the historical sources of incidents in the poem. Professor Singleton provides a clear and profound analysis of the poem's basic allegory, and the illustrations, diagrams, and map clarify points that have previously confused readers of "The Divine Comedy."
My rating:
La casa in collina
by Cesare Pavese (1990)
Publisher review: Il momento forse più alto della maturità dello scrittore Cesare Pavese: la storia di una solitudine individuale di fronte all'impegno civile e storico; la contraddizione da risolvere tra vita in campagna e vita in città, nel caos della guerra; il superamento dell'egoismo attraverso la scoperta che ogni caduto somiglia a chi resta e gliene chiede ragione. "Ora che ho visto cos'è la guerra civile, so che tutti, se un giorno finisse, dovrebbero chiedersi: "E dei caduti che facciamo? perché sono morti?" Io non saprei cosa rispondere. Non adesso almeno. Né mi pare che gli altri lo sappiano. Forse lo sanno unicamente i morti, e soltanto per loro la guerra è finita davvero". La grande intuizione delle ultime pagine de La casa in collina sarà ripresa e portata alle estreme conseguenze artistiche e morali nel capolavoro di Cesare Pavese, La luna e i falò.
My rating:
Moll Flanders
by Daniel Defoe (1993)
Publisher review: The Fortunes & Misfortunes of the Famous Moll Flanders (aka Moll Flanders) is a novel by Daniel Defoe, 1st published in 1722. It purports to be the true account of the life of the eponymous Moll, detailing her exploits from birth until old age. By 1721, Defoe had become a recognised novelist, with the success of Robinson Crusoe in 1719. His political work was tapering off at this point, due to the fall of both Whig & Tory party leaders with whom he had been associated; Robert Walpole was beginning his rise. Defoe was never fully at home with the Walpole group. Defoe's Whig views are nevertheless evident in the story of Moll. The novel's full title gives some insight into this & the outline of the plot: "The Fortunes & Misfortunes of the Famous Moll Flanders, &c. Who was Born in Newgate, & during a Life of continu'd Variety for Threescore Years, besides her Childhood, was Twelve Year a Whore, five times a Wife (whereof once to her own Brother), Twelve Year a Thief, Eight Year a Transported Felon in Virginia, at last grew Rich, liv'd Honest, & died a Penitent. Written from her own Memorandums."
My rating:
La morte a Venezia
by Thomas Mann (1990)
Publisher review: Il famoso scrittore tedesco Gustav Aschenbach, che ha basato la sua vita e l'intera opera sulla piú ostinata fedeltà ai canoni classici dell'estetica e dell'etica, è spinto a Venezia da un misterioso impulso. Nell'attimo in cui balena sulla spiaggia del Lido la spietata bellezza del ragazzo polacco Tadzio, Aschenbach avverte il definitivo segno del destino: l'anelito allo sfacelo. La morte a Venezia (1913), oltre che un romanzo, è una cerimonia.
My rating:
Anfitrione - Bacchidi - Casina - Menecmi - Pseudolo
by Plautus (1985)
Publisher review: Cinque delle più famose opere di Plauto raccolte in questo volume. Della vita di Plauto poco si sa, e del poco si dubita. Probabilmente nato nel 250 a.C. a Sarsina (vicino all'odierna Forlì), era un attore girovago.
My rating:
La lettera scarlatta
by Nathaniel Hawthorne (1993)
Publisher review: Ambientato nel New England puritano nel XVII secolo, il romanzo racconta la storia di Hester Prynne, una donna che, dopo aver dato alla luce una bimba, frutto di una relazione adulterina, rifiuta di rivelare chi è il padre e lotta per crearsi una nuova vita di pentimento e dignità. La lettera scarlatta è la A che per punizione ogni adultera deve portare cucita sul petto e che "marchia" in modo indelebile le azioni e la coscienza della protagonista, stretta in un patologico triangolo con il marito e con l'antico seduttore in un crescendo di tensione, sofferenza, angoscia.
My rating:
Orlando
by Virginia Woolf
Publisher review: Virginia Woolf’s Orlando ‘The longest and most charming love letter in literature’, playfully constructs the figure of Orlando as the fictional embodiment of Woolf’s close friend and lover, Vita Sackville-West. Spanning three centuries, the novel opens as Orlando, a young nobleman in Elizabeth’s England, awaits a visit from the Queen and traces his experience with first love as England under James I lies locked in the embrace of the Great Frost. At the midpoint of the novel, Orlando, now an ambassador in Costantinople, awakes to find that he is a woman, and the novel indulges in farce and irony to consider the roles of women in the 18th and 19th centuries. As the novel ends in 1928, a year consonant with full suffrage for women. Orlando, now a wife and mother, stands poised at the brink of a future that holds new hope and promise for women.
My rating:
Mastro Don Desualdo
by Giovanni Verga (1989)
Publisher review: Con Mastro Don Gesualdo, pubblicato in volume nel 1889 dopo una serie di tormentosi rifacimenti, Verga raggiunge la prima tappa del progettato ciclo dei Vinti, allargando la sua indagine a un ambiente piu' complesso di quello dei Malavoglia. Il romanzo da' vita ad un ampio affresco della provincia siciliana dell'Ottocento.
My rating: